Drupal 6 navigazione veloce.
menu principale | colonna di navigazione a sinistra | contenuto principale | colonna di navigazione a destra | piè di pagina

menu principale

contenuto principale

Partecipazione a progetti

Villa Sacro Cuore - Triuggio

 Su invito della Caritas Ambrosiana Brianza Solidale è entrata in contatto con i 20  profughi nigeriani ospitati presso Villa Sacro Cuore di Triuggio  per iniziativa del Cardinal Tettamanzi. Il suo intervento  è consistito nel predisporre una serie di colloqui orientativi  individuali nei quali definire le competenze spendibili nel territorio brianzolo.

Repubblica.it 26 aprile 2016
di Zita Daddi
"I venti profughi sono quasi tutti musulmani, anche se fra loro ci sono alcuni cristiani metodisti - racconta don Luigi Bandera, direttore della Villa e stretto collaboratore del cardinale Tettamanzi . E continua: " Abbiamo deciso di accoglierli dopo l'appello di Papa Francesco e del cardinale di Milano Angelo Scola che si sono rivolti alle parrocchie e ai centri religiosi, invitandoli ad aprire le porte ai migranti."
I profughi sono tutti uomini fra i 18 e i 47 anni, abitano negli appartamenti sul lato ovest della villa, che sorge in cima a una collina immersa nel verde In cambio dell'ospitalità  danno una mano ai religiosi e collaborano volontariamente alle pulizie per tener in ordine la grande Villa,

I migranti non vengono pagati perchè non lo consente il loro permesso di soggiorno provvisorio, in attesa della risposta alla domanda d'asilo presentata alle autorità italiane. La prefettura di Monza provvede alle piccole spese di ciascuno profugo con una quota di 80 euro al mese; al vitto e alloggio provvede la Villa, con i fondi della Diocesi ambrosiana. I volontari della Caritas di Triuggio e di altri centri della Brianza sono impegnati nei corsi di italiano e orientamento professionale per i migranti. Li hanno anche portati a conoscere varie realtà artigianali della zona, nella speranza che la domanda di asilo venga accolta e che quindi possanno in un futuro accettare qualche lavoro da ditte del territorio. Quelli di Triuggio sono solo un piccolo gruppo dei mille circa profughi ospitati in parrocchie e conventi della Diocesi Ambrosiana nel piano di accoglienza diffusa voluta dalla Curia, dopo la sollecitazione di Papa Francesco. "
 

Comunità Pastorale Spirito Santo

 

Con il bando 2015.7 avente come tema il contrasto alla marginalità socio economica la Fondazione di Comunità Monza Brianza ha selezionato il progetto : "Orizzonte lavoro - Prossimi ai poveri e ai disoccupati nella ricerca del lavoro" presentato dalla Comunità Pastorale Spirito santo con la collaborazione di Brianza Solidale.

Il progetto prevede percorsi di accompagnamento nella riqualificazione e ricerca di un lavoro, con l’attivazione anche di tirocini per rimettere in gioco le risorse e le qualità personali.
Il progetto avviato all’inizio del 2016 durerà tutto l’anno.
Il ruolo di Brianza solidale è quello già felicemente sperimentato ormai da tre anni con la collaborazione con Caritas Monza tramite il Fondo Famiglia lavoro e che prevede la seguente articolazione:

  • Colloquio di accoglienza e specialistico
  • Supporto stesura e qualificazione CV
  • Supporto per migliorare il colloquio di lavoro
  • Analisi e bilancio delle competenze
  • Definizione di un percorso di riqualifica
  • Seminario Ricerca attiva del lavoro
  • Indirizzamento verso le fonti di ricerca lavoro
  • Monitoraggio durante il percorso

Nei primi 4 mesi sono già state seguite 8 persone.

 

Collaborazione con la Cooperativa "Il Volo"

 IL VOLO Onlus è una società cooperativa senza fini di lucro che persegue finalità di tipo socio-sanitario. Si occupa della gestione di servizi socio-sanitari ed educativi finalizzati alla prevenzione, all’intervento e al reinserimento sociale di persone con problemi di tipo psichiatrico. In particolare la Cooperativa risponde al crescente bisogno dei giovani che soffrono di gravi Disturbi di Personalità e delle loro famiglie avvalendosi di un’equipe multidisciplinare di professionisti qualificati.

La Cooperativa articola i propri interventi e garantisce le prestazioni attraverso le seguenti strutture:

  • la Comunità Terapeutica Riabilitativa a media assistenza e alta intensità riabilitativa “Villa Ratti”, con sede a Monticello Brianza (LC);
  •  il Centro Studi “Carlo Perris” per la ricerca, formazione e documentazione sui Disturbi di Personalità, con sede a Monticello Brianza (LC)
  • il Centro di Psicologia Clinica e Prevenzione, per la prevenzione del disagio giovanile e la cura ambulatoriale di difficoltà psicologiche (per bambini, adolescenti e adulti), con sede a Casatenovo (LC).

Brianza Solidale collabora per la definizione di iter educativi e formativi miranti a facilitare il reinserimento lavorativo dei giovani al termine del percorso sanitario.

Collaborazione con S. Vincenzo - Monza

 

Partecipando al bando 2013.6 della Fondazione Monza e Brianza, la Società S. Vincenzo De' Paoli, ha potuto avviare il Progetto “ Forma In forma”
Avvalendosi della collaborazione di Brianza Solidale,  ha effettuato  colloqui di orientamento professionale, per scoprire capacità, aspirazioni, obiettivi di vita di alcuni assistiti.
Ha individuato così corsi di formazione professionale mirati, ai quali iscrivere le persone così prescelte.
L'obiettivo è stato quello di aumentare le competenze professionali delle persone, per dare loro più chance nel reperimento di un lavoro, con una particolare attenzione ai giovani.
 

Brianza Solidale dà supporto sulla sicurezza dell’Asilo Notturno.
Gestito dalla Società San Vincenzo De' Paoli, l’Asilo Notturno di via Raiberti è un servizio del Comune di Monza

Il Centro offre prima accoglienza ed alloggio notturno a cittadini italiani e stranieri senza dimora (per soli uomini). Sono disponibili 36 posti letto. La durata massima di permanenza è di 90 giorni (60 più 30 di proroga).

Inoltre, ogni giorno il centro apre a tutti i bisognosi per un pranzo gratuito (ore 12.00) e può servire fino a 30 persone (50 la domenica e festivi). L’accesso a tale servizio è condizionato da un ticket rilasciato dalla Caritas di Monza di Largo Esterle.
L’accettazione è subordinata alla disponibilità dei posti.
Il regolamento della Società S. Vincenzo De’ Paoli è di riferimento per le norme che gli ospiti devono osservare durante la permanenza.
 
Per accedere al servizio occorre effettuare un colloquio diretto con i responsabili della Società San Vincenzo.
E’ necessario presentarsi con un documento di riconoscimento.
I cittadini stranieri devono esibire il passaporto e gli extracomunitari anche il regolare permesso di soggiorno.

Assolombarda: ABCDigital

 Programma di alfabetizzazione digitale per cittadini over 60 promosso e diretto da Assolombarda  e indirizzato alle persone residenti nelle provincie di Milano , Lodi, Monza-Brianza e Brescia.

Il programma si sviluppa in corsi di formazione specifica mantenuti da istruttori , studenti delle scuole inserite nel programma, ad allievi over 60 iscritti ai corsi direttamente nelle scuole.
I corsi si svolgono presso le sedi delle scuole inserite nel programma , prevalentemente per  due ore settimanali  al primo pomeriggio.
Ai corsi partecipano dai 12 ai 15 over 60 istruiti da piu istruttori ( il numero dipende dalle scuole stesse, per esperienza da 6 a 8) gestiti e coordinati da un tutor scolastico.

Tutor aziendale

Il tutor aziendale sovraintende alla effettuazione del corso senza impegni di formazione specifici , verifica che la formazione avvenga in modo modulare e valido e secondo i dettami generali stabiliti.
E' opportuno che un  tutor si incarichi al massimo di due scuole.
Il tutor aziendale puo proporsi anche come formatore degli studenti-istruttori

L’ impegno dei “tutor aziendali” e’ previsto come segue:

  • presenza durante la giornata di formazione degli studenti formatori degli over 60
  • presenza durante almeno due sessioni di corso di alfabetizzazione , due ore circa per sessione
  • valutazione dei ragazzi coinvolti nei progetti di alfabetizzazione

Brianza Solidale partecipa al Progetto mettendo a disposizione alcuni suoi soci come tutor aziendali

Attualmente hanno aderito al corso di alfabetizzazione le seguenti scuole di Monza-Brianza:

  • ISS Mk Gandhi - Besana Brianza
  • Istituto Versari - Cesano Maderno
  • Liceo G.Parini - Seregno
  • Istituto Mapelli- Monza
  • ISS Majorana - Cesano Maderno
  • Istituto Carlo Porta - Monza
  • Istituto Martino Bassi - Seregno

 

 

Carcere aperto: Progetto Bussola

 Progetto selezionato dalla Fondazione della Comunità di Monza e Brianza Onlus con il Bando 2014.5 : Marginalità socio economica e contrasto povertà alimentare.

Il progetto, con capofila Ass. Carcere Aperto, si propone di reinserire ex detenuti in una rete sociale attraverso l’attività lavorativa.
Quest'anno hanno aderito solo 6 ex carcerati. La capofila Carcere aperto ha chiesto alla Fondazione di estendere il programma anche al 2016

 

Associazioni coinvolte:

  • Associazione Carcere aperto: capofila
  • Brianza solidale
  • Caritas
  • Acli

 Fasi del progetto e coinvolgimento delle Associazioni:

A:Individuazione e selezione, tra la popolazione detenuta in uscita, dei possibili destinatari del progetto, attraverso colloqui individuali o su indicazione dell’educatore preposto - Carcere aperto
B: Colloqui di approfondimento relativamente alla partecipazione al Progetto Bussola con le persone precedentemente individuate
- Carcere aperto 
C: Colloqui di valutazione, bilancio delle competenze e stesura C.V. - Caritas e Brianza Solidale
D: Colloqui di conoscenza ed orientamento per meglio accompagnare la persona alla ricerca attiva del lavoro - Brianza solidale
E: Valutazione e ricerca di attività formative significative- Caritas
F: Avvio di percorsi di lavoro occasionale reperibili sul territorio e di percorsi monitorati e strutturati di tirocini lavorativi, anche attivando i canali istituzionali dell’area lavoro ( SIL, Centri per l’impiego, Afol…)-  Caritas e Acli

Ruolo di Brianza Solidale

  • Individuazione e selezione, tra la popolazione detenuta in uscita, dei possibili destinatari del progetto, attraverso colloqui individuali o su indicazione dell’educatore preposto 
  • Colloqui di valutazione, bilancio delle competenze e stesura Curriculum Vitae.
  • Colloqui di conoscenza ed orientamento per meglio accompagnare la persona alla ricerca attiva del lavoro
  • Valutazione e ricerca di attività formative significative

Casa del Volontariato: Progetto Pane e rose

Progetto selezionato dalla Fondazione della Comunità di Monza e Brianza Onlus con il Bando 2014.5: Marginalità socio economica e contrasto povertà alimentare

Il progetto vuole rispondere all'emergenza alimentare della popolazione più fragile. Il Comune di Monza ha coinvolto le Associazioni del territorio che danno assistenza ai bisognosi, incoraggiandole a mettersi in rete contro le vecchie e nuove povertà.

La sfida è stata raccolta mediante la creazione di una rete di solidarietà tra Associazioni di diverso orientamento,cultura, religione, accumunate però dai valori di responsabilità e gratuità nel contrasto alla povertà

Brianza Solidale ha partecipato significativamente allo sviluppo del Progetto ed alla fase di start up dell’organizzazione.

 

Associazione capofila: Casa del Volontariato

Associazioni coinvolte
  • CSV
  • Brianza Solidale
  • Auser
  • Antas
  • Goodguys
  • Banca del tempo
  • Caritas
  • Cooperativa Lambro
  • S. Vincenzo
  • Frati francescani
  • Centro islamico
  • Chiesa Evangelica
  • Chiesa ortodossa

Caritas: Fondo Famiglia Lavoro

 Strumento promosso dalla Chiesa ambrosiana a favore di chi ha perso il posto di lavoro per la crisi  economica. Quest'anno sarà orientato ai giovani disoccupati.

Fondato alcuni anni fa dal Card. Tettamanzi per aiutare le famiglie colpite dalla crisi economica e in grande difficoltà nel condurre la vita quotidiana, il fondo prevedeva principalmente un aiuto economico per alcuni mesi a famiglie selezionate secondo criteri legati alla gravità della loro situazione.

Il Card. Scola ha ripreso questo progetto ampliandolo nelle forme di sostegno alle famiglie in difficoltà:

  • Ha aggiunto azioni di supporto e accompagnamento all’occupazione (aiuto a ritrovare un lavoro attraverso corsi di formazione mirati o di tipo trasversale come informatica, inglese e/o italiano).
  •  Ha istituito inoltre forme di microcredito per chi avesse un’idea imprenditoriale e volesse svolgere un’attività “in proprio”.
  • Ha istituito un fondo mutualistico a favore di persone che non godono di alcuna tutela sociale
  • Ha mantenuto l’erogazione di contributi economici a fondo perduto, ma che è diventata residuale rispetto alle prime due forme di sostegno

Per la zona di Monza e Brianza, ai colleghi di BS viene chiesto di contribuire con le proprie competenze, insieme al team Caritas,  a:

  • Esaminare (o scrivere/riscrivere) i CV delle persone selezionate per questo progetto
  • Educare ai colloqui di selezione
  • Fare colloqui di approfondimento e di orientamento per individuare competenze specifiche e trasversali e  nuovi percorsi di riqualifica professionale
  • Valutare il piano di fattibilità di eventuali idee auto-imprenditoriali
  • Essere disponibili ad accompagnare le persone nella realizzazione di progetti che potrebbero emergere durante i colloqui.

Brianza Solidale è impegnata con frequenza settimanale in una serie di colloqui individuali con:

  • disoccupati/ cassintegrati per eventuale ricollocazione dopo corsi di formazione
  • piccoli imprenditori in crisi per valutare accesso a prestito agevolato

Numero di soci coinvolti: 5
Flusso:8 valutazioni settimanali circa

www.caritasmonza.org

Associazione Stefania: AdS

Protocollo d'intesa di rete per la realizzazione del Progetto Amministratore di Sostegno "Fianco a fianco" Monza e Brianza

 Associazione capofila: Associazione Stefania

 

 L'Amministratore di Sostegno è una persona nominata del Giudice Tutelare, con il compito di tutelare, in modo transitorio o permanente le persone che, per infermità o menomazioni fisiche e psichiche
(anche parziali e temporanee) non hanno la piena autonomia nella vita quotidiana e si trovano nella impossibilità di provvedere ai propri interessi.
Può avere compiti di rappresentanza, sostituzione o affiancamento. Il beneficiario conserva la capacità di agire per tutti gli atti che non richiedono la rappresentanza esclusiva o l'assistenza necessaria dell'Amministratore di Sostegno
Nello svolgimento dei suoi compiti deve tener conto dei bisogni e delle aspirazioni del beneficiario, ne cura gli interessi salvaguardando il mantenimento delle autonomie.

L'attività di Brianza Solidale

Brianza Solidale è attiva, insieme a volontari di altre Organizzazioni , presso lo sportello di Monza in via Borgazzi 27- Ufficio Giudice di Pace.
Lo sportello, aperto il lunedì dalle ore 9.30 alle ore 13.00 e giovedì dalle ore 14.30 alle 17.00 - tel 039-21699416/ 039-21699416, offre le seguenti prestazioni:

  • informazione, consulenza e orientamento in materia di protezione giuridica per le persone fragili
  • supporto alla predisposizione del ricorso per la nomina di AdS
  • supporto agli AdS nella predisposizione dei rendiconti periodici per il Tribunale e sostegno nella gestione del ruolo.

colonna sinistra

colonna destra

piè di pagina