Una città per i giovani. «Abbiamo creduto molto in questo progetto fin dall’inizio, spiega l’Assessore con delega alle Politiche Giovanili Federico Arena. L’obiettivo è creare un sistema aperto e compiuto per supportare i giovani nell’ingresso nel mondo del lavoro sia aiutandoli nel riconoscere le loro attitudini e le loro capacità, sia sostenendoli nell’orientare le loro energie e i loro sforzi in maniera produttiva. Crediamo che sia questo il compito delle istituzioni: contribuire alla costruzione di una società sempre più dinamica, aperta ai ragazzi e, allo stesso tempo, assicurarsi attraverso progetti come questo che tutti riescano a trovare la loro strada».

I partner. Capofila del progetto è il Comune di Monza che ha potuto contare su quattro partner: «AFOL» – Agenzia Formazione, Orientamento, Lavoro della Provincia Monza e Brianza; Azienda Speciale di Formazione «Paolo Borsa»; «Carrobiolo 2000» Cooperativa Sociale; «CSV» – Centro di Servizio per il Volontariato di Monza – Lecco – Sondrio. Il progetto è stato sostenuto da: Assolombarda, Brianza Solidale, associazione «Elianto», Fondazione della Comunità di Monza e Brianza.

Il finanziamento. Il costo complessivo del progetto è di 135.429 euro di cui 94.800 finanziati da Regione Lombardia nell’ambito del bando «La Lombardia è dei giovani 2020». Il resto del budget (40.629 euro) è suddiviso tra i partner: Comune di Monza, «AFOL», «Paolo Borsa», «Carrobiolo 2000» e «CSV».